Quando si parla d’arte si intendono numerose forme di espressione, che di fatto coprono la quotidianità della nostra vita. Dalla musica al canto, dalla scultura alla pittura, dalla fotografia alla cinematografia e al teatro: l’arte è presente in ogni giorno della nostra vita. Sempre più però viene a mancare uno strumento che sia in grado di valorizzare queste forme d’espressione e per questo è stato ideato “DistrArte”.

Già dal nome si può percepire l’obiettivo: il termine “DIS” ci permette infatti di capire che l’obiettivo della manifestazione è quello di separare il concetto generale di Arte focalizzando gli eventi sempre su una specifica forma d’espressione. Questa è stata la base del lavoro progettato dall’organizzazione.

La progettualità si è concentrata dunque su un programma “a cerchio”. Siamo partiti nel 2015 riunendo tutte le varie forme d’arte in un unico contesto, per mostrare al pubblico la vastità delle forme d’espressione che intendiamo valorizzare.

Dal 2016 al 2018 l’obiettivo è quello di concentrarsi di anno in anno su un unico tema, per poi concludere la progettualità nel 2019 con un Simposio che sia in grado di unire tutti i protagonisti di questi anni in una settimana intera di eventi e attività artistiche.

La mission è quella di valorizzare il mondo dell’arte nella sua completezza dedicando di volta in volta l’evento estivo ad una specifica forma d’espressione, che possa essere esposta, analizzata e valorizzata al meglio grazie ad esponenti di vario genere.

Si tratta di un momento perfetto per mettere in luce le proprie conoscenze, per fare amicizia, per esaltare la cultura, divertirsi ed imparare allo stesso tempo. Sempre con lo scopo di esaltare l’arte, che mai come oggi, in un contesto cosi difficile come quello in cui stiamo vivendo, merita e necessita di essere valorizzata.

Nel corso di questi anni – dal 2016 al 2018 – l’evento si concentrerà su un programma di 2 giorni, sempre legato ad una data ben precisa: “La Giostra della Quintana di Ascoli Piceno”. Già nel 2015 è stato fatta vedere per la prima volta in maxischermo la Giostra di Agosto, con lo scopo di avvicinare turisti ed appassionati che non sono riusciti ad entrare al Campo Giochi. Il motivo della presenza della Quintana è legato ovviamente al fatto che la stessa Giostra, dai costumi alla sfilata, dalle attività collaterali alla sfida sportiva, rappresenta un insieme ricco di forme d’arte distinte. La Quintana rappresenta ad Ascoli sicuramente l’evento dell’anno, raccogliendo turisti ed escursionisti da tutta Italia e da tutto il mondo.

All’interno del contesto del festival dunque, il primo giorno verrà sempre dedicato alla proiezione della Giostra della Quintana con attività collaterali che variano di anno in anno. Nel 2015 è stato creato un mercato di vendita di prodotti quintanari, mentre nel 2016 – con la base del tema fotografico – la progettualità consisterà nell’esposizione di scatti fotografici di professionisti e amatori, oltre che dei corsi di fotografia “live” per imparare a scattare immagini particolari.

L’evento si concentrerà poi sul tema principale nella giornata di domenica, con workshop e attività durante tutto il giorno fino alla sera, quando un concerto musicale concluderà il weekend artistico.

Nel 2015 si sono alternate numerose band e nel 2016 si prevede una sola ed importante band musicale con delle esposizioni visual multimediali in grado di riproporre i momenti più importanti del weekend.

La mission culturale è dunque quella di seguire un importante percorso formativo, in grado di valorizzare sempre più varie forme d’arte nel corso degli anni fino a creare nel 2019 un grandissimo evento collettivo di tutti i partecipanti di questa progettualità.